Comunicato Agedo Lecce - Arcigay Salento "La Terra di Oz" - LeA Liberamente e Apertamente

Sabato 31 maggio si è tenuta a Lecce, sullo spazio antistante la Prefettura, la "veglia" delle "Sentinelle in piedi", un movimento che si pone in netto contrasto ai provvedimenti legislativi che mirano a combattere la discriminazione e la violenza verso le persone omosessuali e transessuali e a riconoscere le unioni anche tra cittadini dello stesso sesso. Nello stesso piazzale, in contemporanea alla manifestazione, la comunità arcobaleno rappresentata dalle associazioni Arcigay Salento “La Terra di Oz”, LeA- Liberamente e Apertamente, Agedo Lecce (Associazione di Genitori, Parenti e Amici di Persone Omosessuali) e un insieme di altre associazioni, movimenti e persone a favore dei diritti delle persone LGBT (lesbiche, gay, bisessuali e transessuali) hanno organizzato una colorata testimonianza di dissenso dai caratteri gioiosi, pacifici e ironici, sventolando palloncini, cartelloni e bandiere arcobaleno e scattandosi fotografie o “SELFIEnelle”. Lo scopo era quello di fare una corretta informazione ai cittadini, anche tramite diffusione di volantini esplicativi, in merito all'estensione della legge Mancino -Reale alla protezione della comunità LGBT dalle discriminazioni, dalla violenza e dall'incitamento all'odio. Arcigay Salento “La Terra di Oz”, LeA- Liberamente e Apertamente - e Agedo Lecce tengono a precisare che molte delle informazioni diffuse dalla stampa sulla propria iniziativa sono state riproposte con dettagli inesistenti e aggiungendo particolari erronei e incoerenti. La modalità dell'azione scelta dalla comunità arcobaleno è stata quella di animazione gioiosa dei presenti per smuovere le menti e le coscienze, innanzitutto dei partecipanti alla veglia, molti dei quali – soprattutto i più giovani – hanno rotto lo schema del silenzio e hanno cercato il confronto. La manifestazione della comunità arcobaleno si è svolta in un clima pacifico, senza episodi di violenza e scontro, assolutamente non voluti né ricercati da parte di tutte le associazioni partecipanti, in linea con lo spirito che le ha mosse. «La nostra presenza, inoltre, non è stata “illecita”> ha specificato Roberto De Mitry, presidente di Arcigay Salento “La Terra di Oz”, «Non si è fatto nulla al di fuori di quello consentito dalla legge. La manifestazione era sotto la Prefettura e in presenza di forze dell'ordine, che non sono intervenute, vista la natura pacifica della dimostrazione.» Iniziative della comunità arcobaleno come quella di sabato sono utili a tutelare la corretta informazione ai cittadini in una società ancora troppo incentrata sulle intolleranze e sulla negazione di diritti in attesa di riconoscimento. La comunità arcobaleno non vuole ledere o attaccare lo status e i diritti della famiglia tradizionale, ma chiede che gli stessi diritti vengano estesi a tutti i tipi di famiglie oggi già presenti nella società.