Pensavate non esistesse?


 Prandelli e la tutela delle persone omosessuali nello sport

 "L'omofobia è razzismo, è indispensabile fare un passo ulteriore per tutelare tutti gli aspetti dell'autodeterminazione degli individui, sportivi compresi". Lo scrive  Cesare Prandelli, nella prefazione del nuovo libro di Alessandro Cecchi Paone e Flavio Pagano, 'Il campione innamorato. Giochi proibiti dello sport'. "Nel mondo del calcio e dello sport -continua l'allenatore azzurro- resiste ancora il tabu nei confronti dell'omosessualità, mentre ognuno deve vivere liberamente sè stesso, i propri desideri e i propri sentimenti. Dobbiamo tutti impegnarci per una cultura dello sport che rispetti l'individuo in ogni manifestazione della sua verità e della sua libertà". 


Fonte: RepubblicaSPORT R.it