Tansgender Day of Visibility - 31 Marzo


Danica Roem, prima trans eletta in USA al Congresso Statale nel 2017
Il  31 marzo è il Transgender Day of Visibility, o TDoV : Giornata Internazionale per la Visibilità Transgender 
Creata nel 2009 dall’attivista Rachel Crandall, è divenuta celebrazione internazionale dal 2014.
Prima del 2009, l’unica Giornata legata alla realtà Transgender era  il TDoR -Transgender Day of Remembrance, il 20 novembre, una giornata di lutto e di  commemorazione delle vittime dell’odio transfobico.
Rachel Crandall ha voluto con la Giornata della Visibilità  Transgender e transessuale, istituire una giornata di vita, di orgoglio e di riconoscimento della dignità delle persone  transgender che, come tutti gli esseri  umani, rivendicano   il diritto  di poter essere se stessi senza paura né vergogna.
Oggi, c'è ancora tanto da fare per un riconoscimento pieno, sociale e culturale dei diritti delle persone trans, spesso vittime di violenza, di discriminazione, di ignoranza e di mancanza di rispetto. Ma alcuni passi in avanti si stanno facendo. L'istituzione in molte Università  italiane del doppio libretto per studenti e studentesse trans con il nome di elezione, per evitare spesso imbarazzanti spiegazioni a docenti e compagni di un nome anagrafico che non corrisponde alla propria identità è un primo passo. Il riconoscimento recente ad  una ragazza diciassettenne, nel 2017, da parte del tribunale di Frosinone, video Repubblica.it  del cambio dei dati anagrafici senza obbligo di intervento chirurgico, è un altro passo importante. Interviste agli esperti del caso
Uno dei più famosi film a raccontare al grande pubblico la  storia vera di una donna transgender  è  The Danish Girl .
Lili Ilse Elvenes nacque biologicamente uomo nel 1882 in  Danimarca e sebbene le operazioni fossero ancora in fase sperimentale, si sottopose  a un’operazione chirurgica di cambiamento di sesso in Germania nel 1930.